FAQ

Cosa vuol dire che Paradigma ACRONET è un progetto “Open Hardware”?

Vuol dire che i sistemi di monitoraggio ACRONET sono stati progettati con la stessa politica del software libero ed open source, per cui, tutti gli artefatti progettuali come gli schemi, i disegni, la lista dei materiali, il layout dei dati, il circuito stampato, sono pubblicati gratuitamente sulla rete internet a favore di chiunque voglia realizzarli in autonomia, oppure voglia contribuire al progetto milgiorandone parti di esso.

Open Hardware? Ma come funziona?

Un pasticcere fa una torta e poi pubblica su internet, sia l’elenco degli ingredienti, sia la ricetta, in modo che chiunque possa rifarsi la torta a casa sua….

Ovviamente, a differenza del software che si copia con un click dal mondo virtuale, in questo caso bisogna comprare gli ingredienti, ma solo quelli…. Non si paga, ogni volta, il lavoro del pasticcere.

Inoltre tutti possono contribuire a migliorare la ricetta e fare una torta sempre più buona frutto della “progettazione” condivisa da parte della comunità degli utenti.

Ovviamente la nuova ricetta migliorata dovrà essere ri-pubblicata gratuitamente a favore di tutti gli altri….

Cosa è un sistema di Monitoraggio?

E’ un sistema di osservazione remota, che consente ad un suo utente di verificare, in ogni momento, cosa stia accadendo nell’ambito di un processo, in relazione alla misura di una particolare grandezza definita come indicatore.

Nel caso di ACRONET ogni “sistema di monitoraggio” si compone di un “sistema di misura” remoto, da installarsi nei pressi del “campo di misura”, e da una infrastruttura informatica, ACRONETWORK, presso cui le misure campionate sono raccolte via internet, analizzate, integrate, archiviate, etc., e presso cui, il loro andamento può essere visualizzato in un contesto geografico.

L’infrastruttura ACRONETWORK consente inoltre il confronto continuo delle misure rilevate con opportuni sistemi di soglia impostabili dall’utente, che ad ogni superamento, può essere notificato per mezzi elettronici (sms, mail, etc.).

A chi si rivolge ACRONET?

Il Paradigma è rivolto a tutti gli utenti che, dovendo monitorare uno o più processi ambientali, vogliano disporre di sistemi di monitoraggio che rispettino le caratteristiche proprie dei sistemi Open Hardware.

L’apertura dei progetti consente, ad esempio, di non “legarsi” ad una particolare ditta fornitrice, ma di realizzare, installare e manutenere in proprio i sistemi di misura.

In alternativa, tutte queste operazioni possono essere affidate a terzi, anche non specialisti, ma con elevata capacità di intervento in sito.

In altri casi, il ricorso ad ACRONET può avvenire “solo” per il basso costo finale delle misure che con essi si riesce ad ottenere rispetto a sistemi di monitoraggio tradizionali, ovviamente, a parità di specifiche tecniche e requisiti di affidabilità, precisione, etc.

OPEN HARDWARE vuol dire LOW COST?

No, o, almeno, non nel senso comune del termine, per cui l’abbattimento dei costi di un servizio si ottiene di solito penalizzandone la qualità.

Qualità, affidabilità, durata, etc, sono infatti caratteristiche specifiche di ogni sistema di monitoraggio ACRONET, definite, ogni volta, dai requisiti del “progetto” per cui esso è realizzato e dipendono, in massima parte, dalle caratteristiche intrinseche delle componenti selezionate.

In applicazione del paradigma ACRONET, ad esempio, sono già stati realizzati sia sistemi di misura per alte intensità precipitazione alle latitudini equatoriali, conformi ai rigorosi standard WMO, sia sensori di modesta precisione, utili per ricavare semplici indicazioni sui parametri di qualità dell’aria in zone molto vaste.

In tutti i casi, a parità di specifiche tecniche, quello che si riesce ad ottenere rispetto ad analoghi sistemi reperiti sul mercato “tradizionale” è un costo unitario delle misure di ordini di grandezza più basso (totale investimento / numero di misure valide nell’unita di tempo).

La “magia” è possibile sia per l’azzeramento dei costi normalmente associati alla matrice industriale dei processi di produzione, sia per l’uso diretto di proprio personale e/o manodopera non specializzata disponibile localmente.

Metrologia o Meteorologia?

Il Paradigma ACRONET si basa sull’applicazione della “metrologia”, la scienza che si occupa delle misurazioni e delle loro applicazioni.

Tutte le definizioni sono tratte dalla terza edizione del VIM – Vocabolario Internazionale di Metrologia – “Concetti di base e generali”. pubblicato dal pubblicato e mantenuto dal BIPM, Bureau International de Poids et de Mesures. (Organo ISO):

Attraverso l’applicazione del paradigma possono essere realizzati numerosi sistemi di monitoraggio utili in diversi campi e applicazioni tecnico-scientifiche, tra cui la “Meteorologia” è solo uno di questi.

L’idrologia, la valutazione della qualità dell’aria e l’inquinamento delle acque, la sicurezza ambientale, la protezione civile, etc,  sono tutti i campi all’interno dei quali, specifici progetti ACRONET sono già stati realizzati o sono in fase di definizione.

La continua espansione della comunità di sviluppatori e le relazioni trasversali tra i diversi progetti avviati porteranno ad un aumento esponenziale dei sistemi di misura ACRONET e dei relativi campi di applicazione.

Come posso dotarmi di un sistema ACRONET?

Una volta individuata nel sito la “configurazione” che fa al caso mio ci sono due semplici modi:

  • Posso realizzare in autonomia tutte le componenti del sistema, partendo direttamente dagli artefatti progettuali già pubblicati nel sito, ed acquistando ed assemblando in proprio tutti gli elementi di terze parti allo scopo necessari;
  • Posso ordinare, per mio conto, la realizzazione di uno dei kit di montaggio fai-da-te della configurazione individuata. A valle di questo, sia per l’assemblaggio, sia per l’installazione in sito si rende necessaria solo un po’ di manualità e gli attrezzi normalmente presenti in una normale cassetta domestica.

I kit di montaggio sono normalmente disponibile in tre versioni:

  1. Versione completa: il KIT comprende tutti gli elementi modulari ACRONET e i sensori di terze parti necessari alla realizzazione della configurazione. All’utente finale resta solo il compito dell’installazione in sito.
  2. Versione intermedia: il kit comprende solo gli elementi modulari ACRONET necessari alla configurazione. All’utente finale resta il compito di acquistare in separata sede il resto dei sensori previsti dalla configurazione e di installare il tutto in sito.
  3. Versione minima; il kit comprende solo le schede elettroniche presenti all’interno degli elementi modulari ACRONET previsti dalla configurazione. All’utente finale resta sia il compito di acquistare il resto delle componenti intermedie previste da ogni elemento modulare (scatola, pannello, antenna, batterie, etc) e di assemblarli secondo gli schemi progettuali pubblicati, sia il compito di acquistare in separata sede il resto dei sensori previsti dalla configurazione e di installare il tutto in sito.
Come faccio a leggere le misure?

Ogni catena di misura realizzata in applicazione del Paradigma si conclude con l’infrastruttura ACRONETWORK, un cloud di ultima generazione presso cui è anche installato un portale WEB per il controllo delle proprie installazioni e la visualizzazione dei dati.

Una volta installata a campo, ogni configurazione si connette ad Internet secondo il proprio schema e protocollo, e viene automaticamente riconosciuta dall’infrastruttura come nuova installazione ACRONET.

Da quel momento in poi le misure sono raccolte e messe a sistema, mentre la comunicazione bidirezionale consente di regolare direttamente dal pannello di amministrazione di ogni singola installazione sia la frequenza di campionamento di ogni sensore, sia la frequenza di invio dei dati.

Dal sito è inoltre possibile ottenere diversi servizi aggiuntivi, tra cui mappe tematiche integrate tra tutte le stazioni ACRONET nelle vicinanze o il download real-time dei dati per il loro uso diretto

presso un proprio deverso visualizzatore.

L’accesso all’infrastruttura ACRONETWORK è gratuito, e lo sarà per sempre.